giovedì 1 giugno 2017

FORTITUDO, SI TORNA AL PALADOZZA PER INSEGUIRE G5.






Una serie di semifinale se ne va dal Paladozza, l’altra ci arriva. La situazione è uguale: 2-0 per chi ha avuto il fattore campo finora a proprio vantaggio, Virtus e Trieste, mentre chi torna presso le mura domestiche, Ravenna e Fortitudo, non può più sbagliare.
Soffermiamoci sulla serie tra giuliani e felsinei: i primi hanno avuto soltanto qualche momento di blackout, con un primo tempo di gara 1 che li ha visti anche inseguire i 10 punti di vantaggio biancoblu, limitati forse da un po’ di emozione per essere giunti a questo punto dei playoff. Dal ritorno in campo, dopo la pausa lunga, sono sembrati un’altra squadra, continuando ad esserlo anche in gara 2. Percentuali assurde (addirittura il 60% da 3 in gara 2), contropiedi su contropiedi, difesa intensa a mettere in confusione l’attacco della Effe, Parks e Cavaliero illegali e coadiuvati dal resto della truppa di coach Dalmasson. È proprio quello che contraddistingue entrambe le squadre, la profondità del roster, ad essere in netto vantaggio per i biancorossi: ognuno è riuscito a dare il proprio apporto, segnando, difendendo e mettendo grinta su ogni pallone conteso. Esempio lampante è il lusso che Dalmasson si è potuto permettere in gara 2, lasciando per tutto il secondo quarto in panchina Jordan Parks, che soltanto due giorni prima aveva messo 26 punti, perchè gravato di due falli. Le fiammate di Cavaliero e Baldasso, l’esperienza di Cittadini, oltre alle triple di Da Ros, non hanno fatto minimamente rimpiangere la stella USA aumentando il divario e mantenendolo attorno ai 20 punti, senza concedere possibilità di replica agli ospiti.
Viceversa, grande confusione in casa Fortitudo: gara 1 è andata anche abbastanza bene, con il rimpianto di non aver saputo gestire il vantaggio costruito e degli infortuni di Mancinelli e Cinciarini, contusione ad un dito della mano per il primo, già in campo in gara 2, sospetta frattura ad un dito del piede, poi esclusa dagli esami di routine, per il secondo, a riposo in gara 2 e a rischio per gara 3, due che con la loro esperienza sono i fari della squadra di Boniciolli. Dicevamo di gara 1: aiutati proprio dal loro capitano, sono sempre stati in partita sembrando sempre in grado di fare il parziale per agganciare i giuliani prima di affievolirsi con l’uscita dei due infortunati citati poc’anzi. In gara 2 è stato un vero e proprio macello, a partire dal primo libero tirato dal Mancio che non ha neppure toccato il ferro, preludio della serata. Attacco mai in ordine, tante sterili iniziative personali, molti passaggi lenti ed intercettati soprattutto da un super Green uniti ad un nervosismo generale, anche nei confronti degli arbitri, non hanno dato il giusto approccio alla gara che li ha visti soccombere anche di 26 punti prima di ridurre, anche se di pochissimo, lo svantaggio. Non c’è un vero e proprio imputato, si è scesi tutti in campo senza voglia di lottare prestando il fianco al mare biancorosso, che ha superato senza patemi d’animo lo scoglio biancoblu.


Si va quindi a Bologna, con entrambe le squadre che nel recente passato sono state nella medesima situazione: Trieste, negli ottavi di finale di questi playoff, si era portata sul 2-0 contro Treviglio, che al PalaFacchetti impattò la serie andando però a perdere la quinta decisiva; la Fortitudo fu sotto 2-0 contro Brescia nella finale degli scorsi playoff, come Treviglio vinse in casa le due successive ma fu sconfitta in gara 5. I “muli” avranno quindi 3 match point per chiudere ed arrivare in finale, i “leoni” devono ribaltare l’inerzia della serie nel proprio palazzo per arrivare ad una decisiva gara 5.
Se Trieste continuerà ad essere questa per le prossime gare, è la seria candidata alla promozione. Un elogio finale anche a ciò che la società è riuscita a costruire, coinvolgendo un pubblico assiepato sugli oltre 6500 posti di un PalaTrieste tutto biancorosso e vero fortino di questa A2 con 21 vittorie consecutive, a testimonianza che il basket nella città alabardata è tornato ad occupare un posto rilevante nel cuore dei suoi cittadini.
Palla a 2 alle 17:45 a Bologna, con diretta SKY, per una gara 3 tutta da vivere!


Nessun commento:

Posta un commento