martedì 10 gennaio 2017

LA VIRTUS VINCE UNA PARTITA PER CUORI FORTI ED È IN COPPA ITALIA.






Il recupero della tredicesima giornata fra l’Unicusano Roma e la Givova Scafati è un capolavoro di intensità: la contesa si decide all’ultimo possesso e a vincere è la Virtus per 85 a 84
Partita importantissima per entrambe le squadre, Roma tenta l’approccio alle final eight di Coppa Italia mentre Scafati cerca la prima vittoria in trasferta della stagione; tutte e due le compagini vengono da tanti match in pochi giorni a causa del calendario rivoluzionato dalle nazionali, inoltre i gialloblu devono far a meno di capitan Baldassare in odore di partenza.
La Virtus recupera Chessa in extremis che parte in quintetto con Brown, Raffa, Sandri e Vedovato; gli risponde Perdichizzi con Naimy, Ammannato, Perez, Fantoni e Crow; i primi cinque minuti del match sono caratterizzati dai due playmaker, Naimy e Raffa infatti partono subito con 5 punti ciascuno. Il primo highlight di serata è però l’infortunio di Brown, costretto ad uscire dopo 7 minuti e uno splendido gioco da tre punti che vale il 15-11 casalingo. Sale però in cattedra il pick’n’roll scafatese che firma il controparziale di 6 a 0 con Johnson e Fantoni; il primo quarto si chiude con gli ospiti in vantaggio sul 19 a 22.
L’ultimo minuto del primo e i primi due del secondo quarto sono territorio di Raffa, il giocatore di Roma infatti mette a segno 6 punti consecutivi che valgono il sorpasso per i padroni di casa sul 25 a 24. La parte centrale della seconda frazione vede la Virtus molto imprecisa nelle conclusioni ma sfruttando il grande lavoro difensivo dei suoi, coach Corbani complice due triple di Landi si ritrova sul 37 a 30 con Scafati costretta a chiamare timeout. Sosta che sembra giovare alla compagine di patron Longobardi, che rientrati in campo in due minuti mettono a segno un controparziale di 9 punti firmati dalla coppia Santiangeli-Fantoni. Continuando sulla cresta dell’onda i gialloblu vanno al riposo in vantaggio sul 45 a 40.
Partono forte entrambe le squadre nella ripresa;  Roma si sblocca completamente dall’arco con due triple a segno da parte di Raffa e Sandri, Scafati continua sull’asse straniero Johnson-Naimy (34 di valutazione finale con 25 punti e 15 assist): al 23’ siamo sul 48 a 51. La partita continua su ritmi altissimi, Benetti e Ammanato mettono a segno le triple che portano il risultato sul 58 a 59 a 3 minuti dall’ultima sosta. La gara continua con Scafati che sfrutta l’assenza di Brown e i 4 falli di Landi e tenta l’allungo sul 58 a 65 grazie ai 20 punti di Johnson; Roma però non demorde e chiude il quarto sulle note alte: il tabellone dice 63 a 69.
L’ultima frazione si apre con le squadre visibilmente provate dalle fatiche delle ultime settimane:  Chessa finalmente si sblocca e dopo 7 errori mette due triple che portano sul meno 2 la Virtus ; la partita si scalda con Naimy che si fa fischiare un tecnico per atteggiamenti provocatori contro il pubblico di casa, ma poi si fa perdonare mettendo a segno due canestri consecutivi per la Givova che riallunga sul 69 a 77 al 34’. La Unicusano non ci sta e ancora con una tripla di Chessa costringe Perdichizzi a chiamare timeout sul 76 a 79; gli ultimi 3 minuti sono una partita nella partita e si aprono con il vantaggio dei padroni di casa con il canestro di Raffa per l’82 a 81. La paura di perdere rende il pallone pesantissimo, Roma ha quello della vittoria e Sandri sfrutta l’occasione: il suo lay up è quello vincente, il finale è 85 a 84.
IL MIGLIORE –  Mvp di serata, Raffa che chiude il match con 25 punti, 5 rimbalzi e una valutazione complessiva di 24.
IL TABELLINO -       UNICUSANO ROMA - GIVOVA SCAFATI  85 - 84 (19-22, 40-45, 63-69)
Roma: Benetti 12, Chessa 9, Raffa 25, Landi 10, Baldasso 5, Vedovato 2 , Sandri 15, Brown 7. Allenatore: Corbani.
Scafati: Crow 5, Fantoni 13, Naimy 25, Ammannato 7, Santiangeli 10, Johnson 24. Allenatore: Perdichizzi.
Arbitri: Ursi, Pazzaglia, Costa.

Nessun commento:

Posta un commento